cambia grandezza del testo A A A

CASTELPETROSO (IS): tra le meraviglie delle valli di Bojano e Carpinone.

Castelpetroso è un comune italiano di 1.647 abitanti della provincia di Isernia in Molise. Castelpetroso sorge sulla vetta di un colle a m.872 s.l.m., a cavallo di due valli di Bojano e Carpinone. L'attuale centro abitato del paese e' identificabile con il "Colle Petroso", nome che si incontra per la prima volta in un documento del 9 maggio 964, in cui il Principe Pandolfo Capodiferro assegna i confini della contea di Isernia e ne delimita il confine ad Est, a Colle Penoso.

Questa dimostrare che a quel tempo il castello, "castrum", non era stato ancora edificato. Il luogo fu fortificato successivamente, sempre nel periodo longobardo, con la costruzione del castello che dal luogo, ricco di pietre, prese il nome. Ciò è attestato da una pergamena custodita nell'archivio di Montecassino, datata 1011, in cui si legge della donazione di due chiese, S. Cristoforo e S. Salvatore, ubicate nel territorio di "Castrum Petrosum", alla badia cassinese da parte del Vescovo Leone di Bojano

"Il suo nome di "Castrum Petrosum" nei tempi angiomi è quanto di meglio si potesse scegliere per indicare la località dove sorge. Rocce e pietre, pietre e rocce da per tutto, sicché, scrive un patrio autore, ti meravigli ed ammiri l'operosità degli abitanti, quando girando nei dintorni tu vedi sorgere come per incanto dei campi, dei vigneti, delle piante annose, dei boschi fra quegli immensi macigni e fra quei cintoli acuti, i quali ti tormentano il piede ad ogni passo che muovi". II Masciotta, con questa breve affermazione, ha dato una descrizione calzante non solo della natura dei luoghi ma anche ha disegnato uno spaccato di vita economica e sociale degli abitanti, dal carattere intraprendente e tenace che hanno modellato il paesaggio naturale e creato borghi con strutture adeguate ad una società agricola.

È un territorio che presenta caratteri vari, a quota 1400 s.l.m. di Monte Patalecchia i versanti sono ricoperti di faggete non degradate e di ampie zone a rimboschimento: siamo ai margini del Matese per cui l'aspetto risulta selvaggio e più tormentato geologicamente; più a sud alcuni valloni hanno scavato profondamente il versante in cui le acque scendono a carattere torrentizio impetuosamente.

La parte collinare adibita .nei secoli scorsi a coltivazioni ed a pascolo, come testimoniano i segni di aggiustamento e trasformazione del territorio con terrazzamenti, con numerosi "trulli" o ricoveri temporanei, ancora oggi è ricoperta in parte con campi di grano ma in prevalenza da pascoli e da bosco ceduo. La presenza umana si concentra nella fascia compresa fra i 400 e gli 800 metri s.l.m. in caratteristici e numerosi nuclei abitativi.
   
La zona presenta caratteri visibili e prevalenti dell'attività agricola.

Come arrivare: vedi http://www.4c.dimmidove.it/molise/castelpetroso/come_arrivare.php



Dimmidove - CASTELPETROSO (IS): tra le meraviglie delle valli di Bojano e Carpinone.

Partecipa a questo evento ed alloggia in una delle strutture ricettive affiliate o consigliate dal circuito dimmidove

Vuoi ricevere informazioni ed offerte speciali ? Iscriviti alla mailing list del circuito dimmidove !



Dai Comuni Italiani

Accoglienza & Albergo diffuso

italia Cerca le Strutture Ricettive